loading...

sabato 6 giugno 2009

Perù, rivolta degli indios. Scontri con la polizia, 30 morti

click to comment

Perù, rivolta degli indios. Scontri con la polizia, 30 morti

Dopo mesi di tensioni, gli scontri tra gruppi indigeni e polizia nella selva amazzonica in Perù settentrionale, sono sfociati nel sangue.
Almeno 33 persone sono morte e 100 ferite. Furenti per le vittime, i manifestanti hanno risposto prendendo in ostaggio un gruppo di 38 poliziotti che custodivano una stazione dell'oleodotto Norperuano, prorietà dell'ente statale Petroperu.

La battaglia tra gli indigeni e la polizia è scoccata alle cinque del mattino di venerdì attorno alla Curva del diavolo di una strada amazzonica nella regione di Bagua, 950 chilometri a nord est di Lima, quando un nugolo di poliziotti, anche ricorrendo agli elicotteri, ha cercato di sloggiare le centinaia di indigeni che la stavano occupando da una decina di giorni

In realtà il governo peruviano ha fornito cifre differenti sugli scontri: secondo il presidente del Consiglio dei ministri, le vittime sono undici poliziotti e tre nativi. Ma i dati sugli indigeni morti dati del governo differiscono ampiamente da quelli forniti dal Collegio Medico Chachapoyas, dagli ospedali, dai mezzi di comunicazione e dalle organizzazioni indigene che parlano di 25 vittime.

La mobilitazione degli indigeni (circa 5.000 di 60 diverse tribù), riunite nella Associazione Interetnica di Sviluppo della Selva Peruviana, è cominiciata lo scorso 9 aprile: gli indigeni protestano contro una decina di decreti legislativi che considerano un attentato al loro diritto di essere consultati su terre che occupano da tempi ancestrali. Le comunità dell'Amazzonia peruviana, che vivono in zone molto remote, hanno denunciato in diverse occasioni le conseguenze della deforestazione e dello sfruttamento delle risorse naturali delle loro terre: povertà e abbandono, contaminazione delle acque, conseguenze sulla salute.
Gli indigeni accusano il governo del presidente Alan Garcia, che ha approvato i decreti per mettersi in linea con il Trattato di Libero Commercio con gli Stati Uniti, di aver violato trattati internazionali che hanno rango costituzionale (la Convenzione 169 dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro sui popoli Indigeni e Tribali, così come la dichiarazione dell'Onu sui popoli indigeni, entrambi sottoscritti dal Perù).

Le proteste degli indigeni si scontrano con l'interesse del governo di incrementare le riserve di gas e petrolio, presenti in grandi quantità nella selva, per far fronte a un'eventuale crisi energetica e trasformarsi in un Paese produttore. Il governo accusa gli indigeni di voler mettere «il Perù in ginocchio e bloccare il suo cammino verso lo sviluppo». Ma gli indigeni temono che i decreti aprano le porte allo sfruttamento senza controllo da parte dei privati. E da quasi due mesi hanno bloccato strade, vie fluviali e ostacolato le operazioni di trasporto di gas e petrolio, una situazione che ha messo a secco varie città. Le proteste hanno indotto il Congresso e rivedere il contenuto dei decreti legislativi, ma giovedì il Parlamento ha deciso di rinviare il dibattito sulla legge forestale, che i nativi considerano incostituzionale. E le tensioni sono sfociate nella violenza.

.

5 commenti:

  1. Hey ciao!
    Grazie che mi segui, sto dando un occhio al tuo blog...niente male, bravo!
    Per quanto riguarda l'articolo...bhe...io credo che gli indios abbiano ragione.
    Purtroppo le loro ragioni non interessano quasi a nessuno, pare...
    :c
    Ciao

    RispondiElimina
  2. grazie a te ,
    basta far girare le loro ragioni ...
    ciao

    RispondiElimina
  3. molto intiresno, grazie

    RispondiElimina
  4. leggere l'intero blog, pretty good

    RispondiElimina
  5. leggere l'intero blog, pretty good

    RispondiElimina

Eseguiamo Siti Internet e Blog Personalizzati contattami e sarai in rete in 48 ore - http://www.cipiri.com/

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari

Google+ Followers

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/