loading...

sabato 28 gennaio 2012

Costa Concordia , disastro ambientale



Ciao ,
sono passate due settimane dalla tragedia della Costa Concordia e, dopo i morti, adesso rischiamo un disastro ambientale. Cosa fa il Governo? Prima promette misure di sicurezza per regolamentare il traffico e ora, invece, si parla di semplici "accordi volontari" con le compagnie.
Per questo motivo, stamattina siamo andati a chiedere il decreto sulle rotte a rischio direttamente a chi ne è responsabile: il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il ministro dell'Ambiente Clini si è già espresso per una regolamentazione severa, promettendo un decreto che stabilisca nuove regole sulle rotte più pericolose. Adesso tocca al Ministro Corrado Passera agire per tutelare la sicurezza dei trasporti, la salute pubblica e l'ambiente.
L'Isola del Giglio, scenario del naufragio, si trova all'interno del Santuario dei Cetacei, un'area che dovrebbe essere protetta dal 2001 ma non lo è affatto. Da anni lo denunciamo con la nostra campagna. Oggi una regolamentazione precisa e vincolante del traffico marittimo nelle aree sensibili non è rinviabile. Sbrigati Ministro!
Grazie!
img
Giorgia Monti
Responsabile campagna Mare
Greenpeace Italia

Diffondi su facebook   Twitta il messaggio
 
 

Il nostro Pianeta è a rischio, esistono soluzioni ma dipende da te. Aiutaci a dar voce al Pianeta!


 -

. Altroconsumo - Free mini stereo .

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti Internet e Blog Personalizzati contattami e sarai in rete in 48 ore - http://www.cipiri.com/

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari

Google+ Followers

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/