martedì 10 luglio 2012

ITALIA : SMOG AZIONE COLLETTIVA DEL CODACONS

 

 

OMS: SCARICHI MOTORI DIESEL SONO CANCEROGENI

 IL CODACONS CHIEDE ALLA PROCURA DI MILANO  IL SEQUESTRO DEI VEICOLI DIESEL


La notizia dei giorni scorsi, secondo la quale, per l'Organizzazione Mondiale della Sanità, i gas di scarico dei motori diesel causano certamente  il tumore ai polmoni negli essere umani, ha indotto il Codacons a presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Milano per chiedere il sequestro di tutti i veicoli diesel esistenti sul territorio della città di Milano e provincia.
Così si legge nell'esposto già depositato: "si chiede, inoltre, che l’Ill.mo Procuratore della Repubblica adito voglia accertare il pericolo che la libera disponibilità dei veicoli diesel possa aggravare o protrarre le conseguenze di cui in narrativa e,  quindi, voglia ordinare il sequestro preventivo ex artt. 321 c.p.p. di tutti i veicoli alimentati a diesel presenti sul territorio della città di Milano e provincia".
L'associazione di consumatori chiede anche alla Procura di "accertare la responsabilità del Sindaco pro tempore di Milano e del Presidente della Lombardia per le ipotesi di violazione di legge che si evincono in narrativa", in particolare rispetto ai reati di omissione di atti d'ufficio (328 c.p.) e getto pericoloso di cose (674 c.p.).
La decisione del Codacons di presentare un nuovo esposto deriva dalle conclusioni a cui è giunta il 12 giugno u.s. l'Oms. In precedenza, infatti, i gas di scarico dei diesel erano definiti solo "probabilmente" cancerogeni. La mancanza di una prova certa della correlazione tra smog e patologie aveva reso difficile in questi anni poter procedere penalmente nei confronti dei sindaci e dei presidenti di regione eventualmente inadempienti. Ma ora questo studio apre nuovi scenari e rende possibile procedere con maggior successo sia per il reato di getto pericolose di cose che per quello di omissione d'atti d'ufficio.
Oggi, infatti, come ha dichiarato il presidente del Circ Christopher Portier, "le prove scientifiche sono inconfutabili e le conclusioni del gruppo di lavoro sono state unanimi: le emanazioni dei motori diesel causano il tumore del polmone". Per questo i gas di scarico sono stati classificati nel “gruppo 1”, quello appunto delle sostanze cancerogene certe, mentre in precedenza erano annoverati nel “gruppo 2” delle sostanze “probabilmente” cancerogene per l’uomo.
"La prova inconfutabile del legame tra i gas di scarico dei motori diesel e la diffusione del cancro rende necessario un intervento straordinario da parte della Procura, a tutela della salute dei cittadini. Da qui la richiesta di sequestro dei veicoli diesel, dato che sono una fonte di morte certa" ha dichiarato il presidente del Codacons, avv. Marco Maria Donzelli.

«Le emanazioni dei motori diesel causano il tumore». Sembra incredibile, eppure le parole dell'Organizzazione Mondiale della Sanità non potrebbero essere più chiare. I gas di scarico del motore diesel sono stati classificati tra gli agenti «cancerogeni certi».
L'affermazione dell'Oms è frutto di uno studio condotto dall'Agenzia per la ricerca sul cancro per ben 24 anni. Nel 1988, infatti, le emissioni dei motori diesel erano infatti stati classificati tra i «cancerogeni probabili» (gruppo 2). Ora, dopo oltre vent'anni di studi e ricerche, sono definiti «cancerogeni certi» (gruppo 1): l'esposizione dell'uomo a queste sostanze è associata a un rischio accresciuto di tumore al polmone e alla vescica.
 

ITALIA ‘SOTTO SMOG’: CLAMOROSA AZIONE COLLETTIVA DEL CODACONS!


SE ANCHE TU RISIEDI IN UNA DELLE SEGUENTI CITTA’ AGISCI SUBITO CON IL CODACONS PER RICHIEDERE IL RISARCIMENTO DI € 2.000,00 PER ESSERE COSTRETTO A VIVERE NELLO SMOG, 
ANCHE SE NON HAI ANCORA SUBITO UN DANNO ALLA SALUTE!
CONTRO LA CRISI: LEGGI SOTTO COME FARE PER ISCRIVERTI ENTRO IL 31.07.2012               AL SOLO COSTO DI 6 EURO!


Numerose città italiane superano costantemente i livelli consentiti di inquinamento: 
oltre due milioni di persone nel mondo muoiono ogni anno a causa dello smog, più di 8500 in Italia!

(dati raccolti dall’Organizzazione mondiale della Sanità).

Caro cittadino italiano che risiedi in una delle seguenti città,
come purtroppo ben saprai, sei costretto a respirare ogni giorno aria inquinata, che supera le soglie previste dalla legge comunitaria (da ultimo direttiva 2008/50/CE, convertita nel dlgs 155/2010).
Le Regioni ed i Comuni sarebbero infatti obbligati a monitorare costantemente gli agenti inquinanti dannosi per la salute, tra cui il Pm10 ed il Pm2.5, e ad adottare tutte le misure necessarie ad evitare i conseguenti gravissimi danni per la salute, in particolare tutte le tragiche patologie legate all'apparato cardio-circolatorio e respiratorio.
MA NONOSTANTE QUESTO, OGNI ANNO PIU' 8.500 PERSONE MUOIONO IN ITALIA A CAUSA DELLO SMOG!
Purtroppo, l'esposizione protratta agli agenti inquinanti riduce la funzionalità respiratoria e i meccanismi di difesa polmonari, con l'insorgenza di gravissime conseguenze infettive, tossiche e cancerogene. I cittadini  maggiormente a rischio sono i bambini, gli anziani, i cardiopatici e tutti coloro che già soffrono di disturbi respiratori, ma è tutta la popolazione ad essere sottoposta a rischio salute (Ufficio Regionale per l'Europa dell'OMS).
MA MOLTI COMUNI, PROVINCE E REGIONI CONTINUANO A NON TUTELARE LA SALUTE DEGLI ITALIANI!
La normativa italiana stabilisce infatti un limite di tolleranza giornaliero di concentrazione nell'aria di PM10 (50 µg/m³) che non deve essere superato per più di 35 giorni all'anno.
Al contrario, ecco, in media, i giorni di sforamento rilevati nel 2010, suddivisi per regioni:

LOMBARDIA
MILANO
87
BERGAMO
71
BRESCIA
89

COMO
42
CREMONA
42
LECCO
42

LODI
73
MANTOVA
83
MONZA
92

PAVIA
54
VARESE
40



PIEMONTE
TORINO
134
ALESSANDRIA
89
ASTI
98

BIELLA
41
NOVARA
77
VERCELLI
50

EMILIA ROMAGNIA
BOLOGNA
63
FERRARA
59
FORLI
45

MODENA
82
PARMA
61
PIACENZA
63

RAVENNA
47
REGGIO EMILIA
84
RIMINI
58

VENETO
VENEZIA
71
PADOVA
94
ROVIGO
67

TREVISO
84
VERONA
70
VICENZA
87

TOSCANA
FIRENZE
65
LUCCA
97
PRATO
48

MARCHE
ANCONA
96
MACERATA
50



LAZIO
ROMA
63
FROSINONE
108



ABBRUZZO
PESCARA
59
TERAMO
42



CAMPANIA
NAPOLI
95
BENEVENTO
85



SICILIA
PALERMO
60





SARDEGNA
CAGLIARI
56




Dati dell'ARPA, Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale, che monitora costantemente il livello delle polveri sottili e gli altri agenti inquinanti nell'atmosfera.

ADESSO BASTA: VOGLIAMO RESPIRARE ARIA PULITA!!!
L'art. 32 della Costituzione tutela come diritto fondamentale dell'uomo il diritto alla salute, e dunque innanzitutto il diritto di vivere in un ambiente non inquinato!
Per questo il Codacons lancia una clamorosa azione collettiva contro le Regioni, le Province ed i Comuni interessati per:
  • far ottenere a tutti i cittadini, delle predette città, un risarcimento del danno da smog per 2000 euro;

  • far adottare finalmente tutte le misure necessarie (come la legge impone!) per garantire il diritto di vivere in un ambiente salubre, misure finalmente in grado di limitare lo smog nell'aria di numerose città italiane.


PERTANTO CITTADINO ITALIANO, ORA FAI MOLTA ATTENZIONE:
ESCLUSIVAMENTE se sei residente in una delle seguenti città: ANCONA, ALESSANDRIA, ASTI, BENEVENTO, BERGAMO, BIELLA, BOLOGNA,  BRESCIA, CAGLIARI, CREMONA, COMO, FERRARA, FIRENZE, FORLI’, FROSINONE, LECCO, LODI, LUCCA, MACERATA, MANTOVA, MILANO, MODENA, MONZA, NAPOLI, NOVARA, PADOVA, PALERMO, PARMA, PAVIA, PESCARA, PIACENZA, PRATO, RAVENNA, REGGIO EMILIA, RIMINI, ROMA, ROVIGO, TERAMO, TORINO, TREVISO, VARESE, VENEZIA, VERCELLI, VERONA, VICENZA,

PUOI AGIRE PER RICHIEDERE IL RISARCIMENTO DI € 2000 PER IL DANNO DA SMOG, PAGANDO ESCLUSIVAMENTE € 6 (IVA inclusa) PER IL COSTO DELLA TELEFONATA CON CUI SARAI AUTOMATICAMENTE ISCRITTO COME SOCIO AGGREGATO AL CODACONS
Iscrivendoti contribuirai ad aiutare l'Associazione MARY POPPINS per la cura e assistenza dei bambini malati di cancro del Policlinico Umberto I di Roma


ECCO COME FARE:
1.     TELEFONA DA UN CELLULARE AL NUMERO 8958959949 AL COSTO DI 6 EURO (IVA inclusa), ENTRO IL 31.07.2012

2.     RICEVERAI UNA PASSWORD

3.     COLLEGATI AL SITO WEB:

4.     DOVRAI SCARICARE TUTTI I DOCUMENTI E MODULI NECESSARI PER ADERIRE ALL'AZIONE COLLETTIVA, COMPILARLI, FIRMARLI E, ASSIEME AI DOCUMENTI RICHIESTI, INVIARLI A TER.MIL.CONS, ente delegato da CODACONS. Nel caso in cui dovesse mancare qualche documento verrai contattato. Pertanto, sarà importante indicare l'indirizzo e-mail ed il numero di telefono corretti.
  

NON ATTENDERE OLTRE, TELEFONA IMMEDIATAMENTE DAL TUO CELLULARE AL NUMERO 8958959949, AL COSTO DI 6 EURO (IVA inclusa), 
PER ISCRIVERTI ALL'AZIONE COLLETTIVA PER RICHIEDERE IL DANNO DA SMOG

L'ADESIONE COMPORTA LA PARTECIPAZIONE IN PRIMA PERSONA AL RICORSO AL TAR PER IL RISARCIMENTO E ANCHE L'ISCRIZIONE PER UN ANNO COME SOCIO AGGREGATO AL CODACONS (L'ISCRIZIONE SERVE ANCHE PER AIUTARE L'ASSOCIAZIONE MARY POPPINS PER L'ASSISTENZA AI BAMBINI MALATI DI CANCRO DEL POLICLINICO UMBERTO I DI ROMA)

-

  . Get cash from your 

website. Sign up as affiliate.
.
 .
 .

. .

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti Internet e Blog Personalizzati contattami e sarai in rete in 48 ore - http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari

Google+ Followers

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/