sabato 14 luglio 2012

Wind farm : L'eolico delle mafie calabresi

 
Wind farm : L'eolico delle mafie calabresi
 
 
Wind Farm è il più grande d'Europa con le sue 48 pale un giro d'affari da 50 milioni l'anno e un valore stimato di mezzo miliardo. Un pozzo di danaro per la criminalità locale. Un business finito nel mirino della Gdf
 
 
La green economy della 'ndrangheta aveva messo radici qui, dove il grecale e la tramontana sferzano lo Jonio 200 giorni all'anno. Isola Capo Rizzuto è la capitale dell'eolico in Italia. Ben 2 parchi di energia del vento: il Pitagora e, soprattutto, il Wind Farm, il più grande d'Europa con le sue 48 pale, un giro d'affari da 50 milioni l'anno e un valore stimato di mezzo miliardo. Insomma, un pozzo di danaro, troppo appetitoso per la criminalità locale. Un business finito nel mirino della Gdf che, ieri, ha posto sotto sequestro il parco su indicazione della Dda di Catanzaro. «Il sequestro preventivo del parco eolico - sostengono gli inquirenti - è il passo iniziale delle indagini. Abbiamo avuto la necessità di bloccare il trasferimento delle quote che stavano per essere cedute ad una società che è completamente estranea a tutta la vicenda. Da questa inchiesta emerge che c'erano contatti tra gli esponenti della cosca Arena con i componenti del Nucleo di valutazione di impatto ambientale che ha rilasciato la certificazione malgrado non ci fossero una serie di requisiti». Un sofisticato sistema fraudolento di società, alcune delle quali con sedi in Svizzera, Germania e San Marino, attraverso cui il potente clan degli Arena gestiva l'impianto.
 
A fare da prestanome, secondo la ricostruzione degli investigatori, un dirigente del Comune di Isola, Pasquale Arena, cugino del capoclan Nicola, che avrebbe seguito la progettazione e realizzazione dell'impianto per conto della cosca, operando attraverso la fitta rete di società estere che dovevano servire ad occultare la vera proprietà della centrale. Grazie ad una serie di conversazioni intercettate, è stato possibile accertare che il capo storico della cosca non appena uscito dal carcere dopo un lungo periodo di detenzione a regime di 41-bis «non solo chiedeva conto dell'iniziativa economica intrapresa durante la sua assenza (evidentemente per conoscerne nel dettaglio le dinamiche e le interessi economici sottesi), ma addirittura poneva in essere comportamenti tali da voler manifestare in modo palese l'intenzione di riappropriarsi del controllo della stessa,interessandosi per la vendita del parco in questione».
La proprietà dell'impianto era detenuta dalla società Vent1 Capo Rizzuto srl, guidata dall'avvocato di Amburgo, Martin Frick. Ma l'avventura del Parco parte in realtà da San Marino nel 2005. Chi presenta il progetto al comune di Isola è una piccola società sanmarinese, la Seas, guidata da Roberto Gobbi. La richiesta è firmata, in qualità di mandatario, da Nicola Arena, nipote del boss e incensurato. Di cui Frick aveva talmente fiducia da volerlo persino come socio, quale amministratore unico della Purena, detentrice di un terzo delle quote di Vent1 Capo Rizzuto. Ma il vero fulcro del sodalizio è Pasquale Arena che non soltanto briga nelle stanze del comune per far protocollare il progetto ma si sarebbe occupato anche di aprire una società di intermediazione a San Marino con lo scopo di riciclare i proventi dell'affare eolico. Insomma una rete di scatole cinesi, di piramidi finanziarie con cui la 'ndrangheta investiva e reinvestiva i proventi del malaffare.
 
«Tali circostanze - riferiscono ancora gli inquirenti - hanno dimostrato come l'affare dell'eolico non costituisse il frutto di un' iniziativa economica libera e scevra da condizionamenti di natura mafiosa, bensì il risultato di un preciso disegno strategico rientrante nell'alveo degli interessi imprenditoriali della cosca ai quali rimane inscindibilmente avvinto e la cui rilevanza sotto il profilo patrimoniale e finanziario suscitava la volontà del boss di riprendere in mano il controllo della situazione».
Dalle intercettazioni risulta inoltre la sudditanza che legava il funzionario del Dipartimento Attività produttive della Regione Calabria, Giuseppe Ferraro, a Nicola Arena. Il 3 marzo del 2009 il boss chiama Ferraro e quest'ultimo nel rispondere a telefono dice: «Ueh...don Nicola buongiorno». Ed Arena replica affermando che «eh, grazie per il don ma io devo capire se sono prete...».

 http://www.ilmanifesto.it/attualita/notizie/mricN/8063/

-

  . 
.
 .
 .

. .

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti Internet e Blog Personalizzati contattami e sarai in rete in 48 ore - http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari

Google+ Followers

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/