lunedì 11 giugno 2012

IN DIFESA DELL'ACQUA PUBBLICA



Colpo di mano della destra in Campidoglio sulla privatizzazione dell'Acea. Rissa tra consiglieri di maggioranza e opposizione, proteste dei comitati per l'acqua e dei lavoratori dell'Unione Sindacale di Base.

Ennesimo, sconcertante capitolo del tentativo da parte della giunta di destra di Roma di portare a casa la privatizzazione dell’Acea finora impedita dall’opposizione dei comitati per l’acqua pubblica, dagli stessi lavoratori dell’azienda e dai consiglieri d’opposizione. Dopo il nulla di fatto delle scorse settimana quella di oggi si annunciava come una seduta cruciale dell’Assemblea Capitolina. Il tempo stringe e com’è noto essendo la delibera 32 – quella sulla holding all’interno della quale è inserita la svendita ai privati del 21% delle azioni dell’azienda che gestisce acqua ed elettricità – propedeutica al bilancio (la 31), la non approvazione entro fine mese porterebbe al commissariamento del Comune di Roma e alla fine dell’esperienza Alemanno.
Questa mattina, appena dopo l’esecuzione dell’Inno di Mameli – consuetudine patriottarda istituita dalla nuova giunta – il presidente Pomarici ha sospeso immediatamente la seduta in attesa del parere del segretario generale di Roma Capitale Liborio Iudicello sulla richiesta di sospensiva degli ordini del giorno inoltrata la scorsa volta dal capogruppo del Pdl in Campidoglio Gramazio. Sospensiva che di fatto farebbe decadere automaticamente tutti gli ordini del giorno presentati dalle opposizione dando una enorme – e illegittima – mano ad Alemanno e ai suoi.
Nell’aula Giulio Cesare, come era già avvenuto per le scorse sedute, numerosissimi gli esponenti dei comitati per l’acqua pubblica che hanno animato le lunghe ore di attesa con cori e slogan contro le privatizzazioni. Con loro anche numerosi lavoratori dell’Acea aderenti al sindacato USB, che gridavano ‘Acea pubblica”. A fine mattinata, improvvisamente e come seguendo un copione già scritto, al termine della lunga riunione dei capigruppo il presidente Pomarici è entrato in aula e a sorpresa ha annunciato il parere favorevole sulla sospensiva da parte del segretario generale del Comune, scatenando la protesta del pubblico e quella dei consiglieri di opposizione – pd, sel, sinistra - che hanno di fatto occupato l’aula. La protesta è immediatamente degenerata in una rissa tra alcuni consiglieri di maggioranza e di opposizione, con i cazzotti che sono arrivati fin sul banco della presidenza. Alcuni esponenti della destra hanno anche aggredito alcuni esponenti dei comitati per l'acqua pubblica che avevano tentato di occupare gli scranni della presidenza.
In questo clima di caos e scontro ad un certo punto un piccolo gruppo di consiglieri del Pdl si è sistemato attorno al Presidente Marco Pomarici, facendogli schermo, e dopo pochi secondi lo stesso Pomarici ha annunciato dal microfono dell’aula “la sospensiva è stata approvata”. Nello sconcerto i consiglieri di opposizione hanno così scoperto che quelli di maggioranza avevano di fatto votato – senza che mai le operazioni di voto fossero aperte e annunciate come da regolamento – a favore del decadimento automatico di tutti gli ordini del giorno presentati. Il che ha suscitato una nuova violentissima bagarre – alcuni eletti hanno dovuto farsi medicare – mentre in aula si presentavano vari esponenti delle forze dell’ordine. La seduta è stata  di nuovo sospesa e alcuni consiglieri hanno annunciato denuncia penale nei confronti del presidente del consiglio comunale.

 Per adesioni: romanonsivende@gmail.com
www.romanonsivende.it


IN DIFESA DELL'ACQUA E DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI PER I DIRITTI DEI LAVORATORI E LA DEMOCRAZIA ROMA NON SI VENDE! SABATO 5 MAGGIO MANIFESTAZIONE CITTADINA PARTENZA PIAZZA VITTORIO ORE 15.00 Come associazioni, movimenti, comitati, forze politiche e sindacali abbiamo deciso di costruire una serie di mobilitazioni e, per Sabato 5 Maggio, un grande corteo per fermare la vendita di ACEA, il progetto di holding e il fallimentare bilancio di Alemanno. * * * Nonostante il voto referendario di oltre 26 milioni di persone – fra loro, 1.200.000 cittadini romani - il Sindaco Alemanno vuole vendere un ulteriore 21% delle quote pubbliche di Acea. Vuole fare cassa per coprire i buchi di bilancio provocati dalla sua stessa mala gestione. Vuole privatizzare la gestione di un bene essenziale, nonostante e contro la volontà dei cittadini. Vuole pregiudicare il futuro della città, dei suoi beni comuni e dei suoi servizi pubblici. Tutte e tutti insieme dobbiamo impedirlo! Per questo chiamiamo le donne e gli uomini di questa città ad una grande mobilitazione per l’acqua, per la difesa dei servizi pubblici locali e dei diritti dei lavoratori, per la democrazia. Per adesioni: romanonsivende@gmail.com www.romanonsivende.it

http://cipiri6.blogspot.it/2009/11/forum-italiano-dei-movimenti-per-lacqua.html

  . Get cash from your website. Sign up as affiliate.
.



. . .

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti Internet e Blog Personalizzati contattami e sarai in rete in 48 ore - http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari

Google+ Followers

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/