giovedì 15 ottobre 2015

Dove Smaltire l’Olio Fritto di Casa



Dove smaltire l’olio fritto di casa

L’olio fritto è una delle fonti di inquinamento più pericolose per il pianeta. Sono, purtroppo, ancora 
moltissimi coloro che senza pensarci troppo, dopo aver fritto e cucinato, gettano nel lavandino o nello scarico del water l’olio utilizzato, tuttavia non si pensa abbastanza quanto la facile superficialità di 
questo gesto arrechi danno ai mari, oggi nel costante pericolo di un ecosistema dagli equilibri precari.


L’olio alimentare proviene dalla frittura di oli di semi vegetali: l’alta temperatura a cui viene sottoposto a causa del suo impiego nelle cucine, provoca una modifica alla sua struttura polimerica di oltre al conseguente sprigionarsi di sostanze inquinanti per la carbonizzazione dei residui alimentari. Agente inquinante per i mari, che nonostante la presenza di depuratori vengono raggiunti attraverso le reti fognarie, l’olio fritto se disperso nel sottosuolo crea una sottile pellicola attorno alle formazioni terrose creando un’innaturale separazione tra piante, terra ed elementi nutritivi. Depositi di olio sul terriccio impediscono l’ossigenazione delle piante e dunque un corretto e vitale sviluppo della flora.

I residui di olio fritto possono danneggiare anche le falde freatiche e raggiungere pozzi d’acqua anche a una considerevole distanza: pensate che sarebbe sufficiente un litro di olio mescolato ad un milione di litri d’acqua per alterarne il gusto con grave rischio per la salute. 
Nel caso di impianti fognari inadeguati, 

lo smaltimento dei residui oleosi influenza negativamente l’adeguata attività dei depuratori con 
conseguenze in termini di ecologia e costi supplementari.

Tenuto conto di tutti fattori presi in considerazione è importante smaltire in modo corretto l’olio vegetale esausto. Attualmente in molte città e centri del nostro Paese sono presenti contenitori per la raccolta differenziata, ma se non fossero presenti nel luogo in cui abitate potete rivolgervi all’oasi ecologica più vicina. Per conoscere in dettaglio i centri autorizzati alla raccolta differenziata potete consultare il Consorzio Conoe, Consorzio Obbligatorio Nazionale di raccolta e trattamento oli e grassi vegetali ed animali esausti.

Dopo averlo lasciato raffreddare, potete versare l’olio fritto in una bottiglia o un contenitore da tenere sotto il lavandino e riempire ogni volta che cucinate o friggete: ricordatevi di apporre un’etichetta 
affinché i bambini non lo confondano con altre bottiglie simili e rivolgetevi all’oasi ecologica nelle 
vicinanze di casa vostra oppure chiedete a un amico che abbia un ristorante:
 da oggi basta con l’olio 
fritto negli scarichi! Farete un piacere all’ecologia e soprattutto a voi e i vostri figli.

.



Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti Internet e Blog Personalizzati contattami e sarai in rete in 48 ore - http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari

Google+ Followers

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/