martedì 26 gennaio 2010

Perché sto con i No tav

Chi c'e' dietro alla TAV



A fianco del Movimento NO TAV e di Luca,...

Dopo i gravissimi fatti di stamattina, con il violento assalto alla baita Clarea che ha messo in serio...

Perché sto con i No tav

Livio Pepino Membro togato del Consiglio Superiore della Magistratura ::

www.notav.eu


Quel che la gente della valle sente, sta scritto nella Costituzione, che pone, nell'interesse generale, limiti alla proprietà privata e all'attività economica anche pubblica, ma non al diritto alla salute, che è diritto assoluto. Il benessere di molti - se anche di questo si trattasse... - non può fondarsi sulla violazione del diritto alla salute di alcuni. E' un principio di diritto

Ancora una volta i media sembrano stupirsi perché gli «indiani della Val Susa» [uomini, donne, bambini, vecchi, famiglie intere] sono tornati a decine di migliaia nelle loro strade, nei loro prati, nelle loro piazze per dire no alla Tav. Come venti anni fa; come ogni volta in cui è stato necessario. Come allora e più di allora. Nonostante il passare degli anni e nonostante la discesa in campo in favore dell’Alta velocità del governo centrale, della Regione, della Provincia, del Comune di Torino, della maggioranza e della opposizione [con poche eccezioni], dei maggiori centri di potere economico, di tutta la grande stampa e via elencando [senza dimenticare gli interventi di polizia a tutela dell’«ordine pubblico»]. Eppure, sinora, Davide ha fermato Golia. È un fatto importante intorno a cui occorre creare consenso, aggregazione, mobilitazione ulteriore. Ci provo con una piccola riflessione [da piemontese di altre valli, valsusino di adozione].
La Val Susa è una valle bellissima che l’uomo ha gravemente ferito: nei luoghi dove dovrebbe iniziare il traforo ferroviario [di oltre 50 chilometri!] già corrono due strade nazionali, un’autostrada e una ferrovia, tutte destinate a restare anche in caso di realizzazione della Tav: pensate cosa vuol dire una valle [abbastanza stretta, com’è, in genere, delle valli] attraversata da cinque arterie di grande percorrenza. Aggiungo: questa valle è – secondo la denuncia del coordinamento dei medici di base che vi operano – tra le zone d’Italia con maggior concentrazione di tumori e di patologie connesse con l’amianto e l’uranio [presenti in misura significativa nelle montagne che si vorrebbero scavare].
No! i valsusini [e chi, per fortuna, sta con loro] non sono né luddisti contrari al progresso né marginali disinteressati allo sviluppo e al benessere del Paese. Sono gente di campagna [nella bassa valle] e di montagna [un po’ più in alto] che conosce la propria terra e sa che la natura, violentata, reagisce [Beppe Fenoglio, grande scrittore di Langa, commentando un’alluvione del Tanaro, dovuta agli interventi dell’uomo, scrisse come solo un poeta può dire: «e il fiume si arrabbiò e fu peggio dei tedeschi e dei fascisti!»].

Attenti, quel che la gente della valle oggi sente, sta scritto nella nostra Costituzione, che pone, nell’interesse generale, limiti alla proprietà privata e all’attività economica anche pubblica, ma non al diritto alla salute, che è diritto assoluto. Il benessere di molti – se anche di questo si trattasse… – non può fondarsi sulla violazione del diritto alla salute di alcuni. Non è una aspirazione politica, ma un principio di diritto, uno di quei principi che sta scritto in Costituzione ed è sottratto alla disponibilità delle maggioranze contingenti [sia detto a beneficio chi si sciacqua la bocca con il termine «legalità»…]. Certo, occorre accertare se davvero è in pericolo la salute [la vita] dei valsusini e dei loro figli. Ma, appunto, occorre accertarlo; e non dire, come hanno fatto sinora il governo e la regione: lo accerteremo, ma intanto cominciamo i lavori. Strana pretesa di dialogo quella di chi ha già deciso che l’opera si deve comunque fare e semplicemente vuole addolcire la pillola avvelenata! Il dialogo, se vuole essere tale, deve verificare anche la possibilità di uno scenario diverso, che tenga conto delle richieste di tutti gli interessai. E invece prevalgono l’arroganza e la predicazione ossessiva di una realtà virtuale che assai poco ha a che vedere con quella vera [«l’opera serve, non è sostituibile, sarà fonte di sviluppo…»].

Realtà virtuale, ho detto, e non a caso. La corrispondenza del progetto della Tav a un interesse generale [contrapposto a un preteso «egoismo particolare» dei valsusini] è, infatti, indimostrata: nella mancanza di alternative meno devastanti, nella effettiva utilità dell’opera una volta conclusa [fra qualche decennio e, dunque, in una situazione economica e in un sistema di trasporti assolutamente imprevedibile], nel rapporto costi/benefici, nella stessa disponibilità dei fondi necessari [nonostante l’allegra spensieratezza del ministro «competente» secondo il quale i soldi si trovano strada facendo…]. Su tutto questo i sostenitori del progetto di Alta velocità continuano a eludere un discorso serio. Anche per questo io sto con Davide.

-

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti Internet e Blog Personalizzati contattami e sarai in rete in 48 ore - http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari

Google+ Followers

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/